TANG LANG QUAN

IL KUNG FU della “MANTIDE RELIGIOSA” TANG LANG QUAN

Secondo la leggenda, fu creato da un Maestro di spada di nome WANG LANG, più di 300 anni fa.
Il Giovane Wang Lang lasciò la provincia dello Shandong, nel nord est della Cina, per cercare maestri ed esperti con cui confrontarsi e provare le sue abilità.
Il suo peregrinare in lungo ed in largo per la Cina, lo portò al monastero di Shaolin, dove chiese di misurarsi con i monaci guerrieri: ma qui fu sonoramente sconfitto da un novizio. Impressionato dalla facilità con cui il monaco lo aveva battuto, si ritirò a meditare nella foresta.
Mentre riposava seduto sotto un albero, fra i cespugli notò una mantide religiosa, che combatteva contro una cicala: a dispetto delle sue dimensioni, la mantide sottomise velocemente la cicala. Impressionato dalla scena, Wang Lang, catturò la mantide e ne studiò il comportamento nel combattimento.
Dopo 3 mesi di studio e sperimentazione, tornò al monastero Shaolin e sfidò nuovamente i monaci guerrieri: gli opposero di nuovo il giovane novizio che, sicuro della sua superiorità, lo attaccò cercando di concludere in fretta il combattimento, ma questa volta le braccia di Wang erano così veloci da rendere inutile ogni tentativo del monaco.
L’Abate si complimentò con Wang e chiese di insegnargli il suo nuovo stile di Kung fu , la Boxe della Mantide Religiosa.
Le testimonianze storiche ci conducono più lontano nel tempo, alla fine del decimo secolo, quando sempre ne monastero di Shaolin, l’abate Fu Ju riunì 18 tra i più bravi maestri di arti marziali che rimasero presso il tempio per 3 anni: da ognuno selezionò la tecnica più efficace.

Tang Lang

Il mitico Wang Lang creatore del sistema Mantide Religiosa

Queste tecniche costituirono il nucleo di quello che poi sarebbe diventato il Tang Lang, quando Wang Lang, dopo aver studiato al monastero, aggiunse a quelle le proprie, create dall’osservazione della MANTIDE per ciò che concerne gli arti superiori, della SCIMMIA per gli spostamenti e dell’AQUILA per l’artiglio.
Lo stile Mantide Religiosa, è un metodo fra i più famosi e completi.
Ne esistono tutt’oggi circa 13 metodi diversi. I più famosi ed antichi sono il MEI HUA (Fior di susino), QI XING (sette stelle), il LIU HE (sei armonie).
Il MEI HUA ed il QI XING sono molto simili.
Nel Mei Hua Tang Lang si dà particolare rilievo ai movimenti rotatori delle anche e delle spalle negli attacchi e nelle difese; le posizioni sono più basse ed i movimenti , che devono essere rapidissimi, sono più morbidi.
Il Liu He Tang Lang è la fusione di 2 sistemi, il LIU HE QUAN ed il TANG LANG ed usa in prevalenza i colpi di palmo di mano. I vari stili di Tang Lang hanno in comune le 3 forme più antiche e famose: BENG BU QUAN (la mantide batte il passo), LAN JIE QUAN (la boxe che blocca ed ostruisce), BA ZHOU QUAN (boxe delle 8 gomitate).
La forma BA ZHOU a sua volta si divide in 4 sezioni, ovvero 4 forme più brevi.
Prima che i vari stili di Tang Lang si dividessero in varie scuole, il sistema era rappresentato da queste forme o Taolu. Un’altra serie di 8 Taolu ( ZHAI YAO LU, “forma che riassume il meglio”) furono codificati successivamente, sintetizzando le tecniche migliori di diciotto stili di Kungfu. Anche queste forme vengono praticate da quasi tutte le scuole di Tang Lang.
Nello stile della mantide religiosa, Mei Hua, si usano tecniche a lunga, media, corta distanza e corpo a corpo, caratterizzate da colpi con il pugno, palmo, uncino, artiglio, varie tecniche di calcio, gomitate, ginocchiate, leve alle articolazioni e proiezioni.
Le tecniche più famose sono mirate ad immobilizzare o rompere le articolazioni dell’avversario, tecnica caratteristica usata anche in natura dalla mantide.
Previsto è anche lo studio di svariati tipi di arma come il bastone lungo e corto, la sciabola, la spada, la lancia, la catena a nove sezioni, l’alabarda lunga e corta, i doppi bastoni, le doppie sciabole, le doppie spade uncinate etc.
I principi fondamentali del Tang Lang sono 12 e vengono chiamati anche “le 12 parole o formule chiave” – 螳螂拳十二字诀 , (TANG LANG QUAN SHI ER ZI JUE ).
I principi espressi nelle 12 parole chiave che esprimono la strategia e le caratteristiche della mantide religiosa come metodo, si trovano tutte inserite nella prima forma, Beng Bu Quan, 崩步拳.

Le 12 parole chiave ed i principi ad esse annessi sono i seguenti:

1) Gou: uncinare
2) Jiao: indurre – far fare
3) Shun: assecondare – muoversi in accordo
4) Song: accompagnare
5) Ti: Sollevare
6) Na: afferrare
7) Feng: Parare
8) Bi: Sigillare
9) Nian: aderire – incollarsi
10) Zhan: rimanere incollati – appiccicarsi
11) Bang: aiutare
12) Tie: Contattare

I principi espressi non vengono sempre applicati singolarmente, spesso sono combinati assieme. Ad esempio: uncina, afferra, tira e colpisci; oppure: chiudi la distanza, aderisci, rimani a contatto.

La forma (taolu) Beng Bu Quan 崩步拳 è la prima che Wang Lang 王郎 codificò. Questa forma non è di facile apprendimento se non si è già praticanti di Kung fu – Wu Shu 功夫武术 e per questo motivo i maestri che si trovarono ad insegnare a gente non praticante, furono obbligati a codificare forme più semplici che introducevano allo studio del Tang Lang Quan, quindi le forme ‘moderne’ codificate furono: XIAO FAN CHE 小翻车, DA FAN CHE 大翻车, XIAO HU YAN 小虎雁, ecc.

il fondatore Wang Lang creò: la prima forma BENG BU QUAN, LE 12 PAROLE CHIAVE, LE 8 TECNICHE RIGIDE 八刚法 BA GAN FA, LE 12 TECNICHE FLESSIBILI 十二柔法 SHI ER ROU FA, LE 7 TECNICHE LUNGHE 七长法 QI CHANG FA, LE 8 TECNICHE CORTE 八短法 BA DUAN FA, GLI 8 PUNTI DI ATTACCO 八打 BA DA E GLI 8 PUNTI DI NON ATTACCO 八不打 BA BU DA, GLI 8 TIPI DI ATTACCO 八打击种 BA DAJI ZHONG, I 12 COOLPI 十二捶 SHI ER CHUI, I 13 METODI PER COLPIRE 十三打办法 più altre teorie e strategie qui non riportate.
Queste strategie,teorie e principi esistono ancora nei tre maggiori stili di Tang Lang, l’unica cosa che è cambiata è l’esecuzione, l’interpretazione e l’applicazione delle forme (taolu) e questo per motivi fisici dei maestri, per lo spettacolo e l’influenza di altri stili che gli stessi maestri avevano praticato prima di studiare il Tang Lang Quan. Perciò si può affermare che il Tang Lang Quan di Wang Lang esiste ancora solo che è stato arricchito ed elaborato adeguandosi ai tempi che corrono.

TANG LANG

Il Gran Mestro HAO HENG LU 1887 – 1959, fondatore del metodo TAIJI MEIHUA TANG LANG, nonno e maestro di QU ZI JUN

 

TANG LANG

La statua di WANG LANG eretta a LAO SHAN

 

HaoHenglu

Il Grande Maestro HAO HENG LU

 

hao bin

Il Maestro HAO BIN, zio e padre adottivo di QU ZI JUN.

 

TANG LANG

Tecnica di TIAN ZHOU – Gomitata verso l’alto.

 

Hermanndimauro_qutzijun

Hermann di Mauro ha seguito il M° QU ZI JUN dal 2004 fino alla sua scomparsa nel 2014

 

TANG LANG

Il M° QU ZI JUN, 4° generazione del Mei Hua Tang Lang.

 

TANG LANG

Ottobre 2001, Hermann conquista la Medaglia d’ORO in Giappone – Tokio ai Campionati Mondiali IKFF.
Nella foto riceve le congratulazioni da parte del Presidente della Federazione – Che Cheng Chiang

 

TANG LANG

Hermann Di Mauro nell’agosto 2008 è nominato ufficialmente con cerimonia tradizionale ed esame di rito membro della famiglia Hao e Rappresentante della 5a Generazione Taiji Meihua Tanglang

Tang Lang Quan – Albero Genealogico

albero geneaolgico tang lang